Commerciale e Marketing

Fuor di retorica

Le Aziende non vengono create per i clienti. Le Aziende vengono create per “avere” dei clienti.

Per questo motivo l’Azienda non può essere una struttura funzionale a se stessa, ma deve essere un modello professionale individuale che generi vantaggi per i potenziali clienti.

Un esperimento

Se metti una dozzina di api e uno stesso numero di mosche in una bottiglia e la poggi orizzontalmente con il fondo rivolto verso una finestra, vedrai che le api continueranno a cercare un’uscita attraverso il vetro fino a che non morranno di fame, mentre le mosche, in meno di due minuti, saranno uscite dal collo della bottiglia.

La logica delle api le uccide,

mentre la stupidità delle mosche rappresenta la loro salvezza.

Cosa significa tutto questo?

L’approccio qualitativo e razionale (DETERMINISTICO delle api) alla gestione delle attività è abbastanza giusto da essere pericolosamente errato.

L’approccio quantitativo e passionale (PROBABILISTICO delle mosche) alla gestione delle attività è abbastanza sbagliato da essere facilmente esatto.  

Il calcolo delle probabilità

Se fai 3 trattative hai 3 probabilità. Se fai 10 trattative hai 10 probabilità. SEMPLICE E BANALE ma è così.

Devi far parte del gruppo degli inveterati sostenitori dei sistemi PROBABILISTICI. Produrre attività per non perdere la prossima opportunità probabile. Fare lo cose semplici e concrete. Sacrificare l’ordine a favore del numero di azioni.

L’azione come metodo

L’azione è la base necessaria per raggiungere la responsabilità operativa individuale (cioè di ogni singolo componente il tuo Staff). Ti permette di conseguire una modalità di approccio pratico. Ti supporta nell’equilibrare elasticità e processi.

Solo i coraggiosi si muovono

Serve audacia, ardimento, temerarietà, forza, decisione, fermezza, risolutezza.

Perché?

Non basta più rivedere gli strumenti, i programmi, le strategie, i progetti, le modalità, il business process, la struttura funzionale o professionale ….. tutto è maledettamente più complicato e complesso. Tutto è difficile da vedere, da governare, da intuire e da comprendere.

Cosa serve per essere “coraggiosi”?

  • Un significativo livello di volontà.
  • Una convinta perseveranza nelle azioni.
  • Un forte senso di disciplina.
  • Un diffuso orientamento alla imprenditorialità.
  • Una particolare attenzione all’esecuzione di un lavoro.
  • Una forte capacità di adattamento alle mutevoli situazioni imposte dalla realtà organizzativa.

Per avere finalmente un VERO piano strategico chiamato ….

… fare le cose.

Arrivare in finale. Questo è ciò che conta

Ho portato le mie squadre sei volte alle finali: per sei volte ho visto il mio miglior giocatore tirare a canestro per la vittoria; per tre volte la palla ha girato sul cerchio ed è entrata e per tre volte no. Fortuna, sfortuna? Che abbia vinto o perso, arrivare in finale significa che il metodo funziona, la preparazione è giusta ……. E allora l’unico obiettivo è giocare il maggior numero possibile di finali.Valerio Bianchini

Cercare di arrivare in finale attraverso la tecnica, il metodo, la passione, la determinazione, il sacrificio … sapendo che tutto ciò non assicurerà la vittoria. Potrebbe esserci sempre qualcosa che non abbiamo previsto …

Le business school

Non sono le SQUOLE a guidare le organizzazioni ma sono le persone che le compongono.

Le Business School producono un enorme numero di manager di indiscutibile qualità ma che non vanno nella direzione dell’Impresa. I manager sono educati ad analizzare, standardizzare, sono abili a presentare una relazione al CDA … il guaio è che queste qualità mascherano carenze circa la capacità di gestione. I manager tendono a defilarsi quando c’è da sporcarsi le mani e falliscono quando viene chiesto loro di ottenere che le cose siano fatte e di mandare avanti l’organizzazione.

Sporcarsi le mani

Significa moltiplicare il numero e la rapidità delle azioni. Le organizzazioni di successo agisco ed apprendono da ciò che hanno fatto, sperimentano, fanno errori, incappano in insuccessi/successi.

Quelli che fanno la differenza “giocano” nel fango, si “sporcano” nell’azione che intimidisce tutti gli altri

Grazie di essere arrivato fin qui. Se ti è piaciuto, condividilo. Se non ti è piaciuto, condividilo ugualmente in modo che anche altri possano perdere lo stesso tempo che hai perso tu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *