Tecnologia

Relazioni a distanza

Mi manda per favore l’IBAN che le faccio un bonifico?” “Preferisco pagare tramite home banking senza muovermi da casa”. “Non ho tempo/voglia di passare in Agenzia e poi per trovare parcheggio ….”.

Mai come in questo periodo, e il futuro non sembra diverso, serve mantenere relazioni con strumenti tecnologici (social e simili).

Siti web, social network, newsletter, …. , diventano ora mezzi imprescindibili

Se lo smartworking è ormai una realtà reale,

la comunicazione digitale diventa un elemento fondamentale

per mantenere vivo il tuo marchio nella mente del cliente

ed evitare che inizi a pensare a un concorrente

(e fa anche rima).

3 azioni per mantenere/creare relazioni a distanza

  1. Metti in campo strategie di comunicazione digitale.
  2. Lavora su messaggi volti a rafforzare le relazioni tra te e i clienti.
  3. Concentrati sulla fidelizzazione. (a tal prossimo clicca qui)

Cosa fare?

Prepara un piano editoriale per:

  • diffondere e spiegare, eventuali, cambiamenti in corso in Agenzia e le decisioni aziendali;
  • considerare il “tono” del messaggio che deve tener conto del contesto in cui si colloca;
  • garantire la continuità delle relazioni con i clienti;
  • dare vita, a valle del piano deciso, a una serie di campagne mirate di comunicazione su tutti i canali (web, social, …..) ;
  • rivisitare il piano editoriale ogni settimana, chiedendoti cosa puoi comunicare e offrire in questo momento ai tuoi clienti e potenziali clienti;
  • comunicare cosa puoi fare per i tuoi clienti, mettendo in luce le competenze ed esperienze;
  • aggiornare la clientela sulle modalità di erogazione dei prodotti/servizi.

Regolare la pressione della comunicazione

Per costruire una relazione solida e profittevole per entrambe le parti è fondamentale dosare il numero, la pressione e la frequenza delle comunicazioni con clienti.  

Socializzazione a distanza

 Lo psicologo Jamil Zaki ha coniato un nuovo concetto – a mio avviso molto corretto – la “socializzazione a distanza”.

Alcuni “trucchetti”

  1. Mantieni la stessa modalità degli incontri di persona. Devi considerare che contatti il cliente per lavoro, non per una gita al mare o una passeggiata in bicicletta.
  2. Prepara un piano di comunicazione. I clienti hanno bisogno di sapere cose per le quali nutrono interesse. Quindi segmenta le comunicazioni per tipologia di cliente.
  3. Definisci le regole delle comunicazioni. Assicurati, visto che tutti sono bombardati di comunicazioni, di assegnare tempi e modi coerenti con i messaggi che vuoi far girare.

La comunicazione

I rischi della socializzazione a distanza sono legati alla difficoltà di comprendere i messaggi da parte del cliente, la decodifica dei quali resta vincolata alla capacità di traduzione dei contenuti espressi, privi della ricchezza informativa offerta dai canali non verbali.

È pertanto importante utilizzare tecniche comunicative adeguate per gestire la comunicazione a distanza raggiungendo livelli di interazione finalizzati al contesto, al tipo di cliente e agli obiettivi che intendi perseguire.

Quindi, non dimenticare di praticare la “socializzazione a distanza”

Grazie di essere arrivato fin qui. Se ti è piaciuto, condividilo. Se non ti è piaciuto, condividilo ugualmente in modo che anche altri possano perdere lo stesso tempo che hai perso tu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *